26 agosto 2013

Una piccola riflessione sulla Siria

La guerra civile in Siria va avanti da circa un anno. Le manifestazioni contro il regime di Assad, che si sono protratte per tutto il 2011 e che furono soffocate nel sangue dal presidente (si può ancora chiamare così?), si sono trasformate in una vera e propria guerra nella scorsa estate.
Da allora l'escalation è stata totale. Azioni di guerriglia, bombardamenti, la fuga di centinaia di migliaia di profughi verso la Turchia, il Libano, la Giordania, persono verso l'Iraq.
Cinque giorni fa è stato reso noto che l'esercito regolare ha bombardato alcuni quartieri di Damasco con il Sarin, un gas nervino potentissimo, che avrebbe ucciso circa 1.300 persone (anche se Medici senza frontiere parla di 355 vittime), quasi tutti civili non impegnati direttamente nel conflitto, tra cui tantissimi bambini.
Questo fatto ha spinto le Nazioni Unite, che fino ad ora non avevano mosso un dito, ad inviare degli ispettori, che oggi sono stati presi a fucilate da alcuni cecchini.
La questione siriana è sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo da diversi mesi. Le Nazioni Unite e l'Unione Europea (specie quest'ultima, che per ragioni geografiche e culturali dovrebbe essere il primo interlocutore per i paesi mediterranei extracomunitari) fino a oggi non hanno fatto assolutamente nulla. In diversi paesi occidentali è cresciuta sempre di più la richiesta, giustissima e sacrosanta, affinchè la comunità internazionale prenda posizione e faccia qualcosa per fermare questo bagno di sangue.
Di fronte a quello che è successo, credo non ci siano tantissime scelte: o Assad si dimette e favorisce una normale transizione democratica, ma da uno che gasa i suoi cittadini non mi aspetto un gesto simile (c'è poi la Russia, che farebbe molte resistenze in sede di Consiglio di Sicurezza), o si cerca un modo per imbastire una tregua e dare vita a degli incontri tra Assad e i ribelli (che sappiamo quale grande successo hanno avuto in passato), o, una volta accertate le responsabilità del regime e trovato un largo accordo internazionale, si manda qualcuno a spodestare Assad. E non saranno nè gli ispettori dell'Onu, nè dei politici, nè enti non governativi. Saranno dei militari.
E, come dice Francesco Costa, temo che il "ma fate qualcosa!" diventerà "ma cosa state facendo?"




4 commenti:



  1. La Sig.ra CINZIA Milani la ha salvata della disonestà dei poveri africani assetati di denaro accordandomi un credito di
    45.000 euro su una durata di 5 anni affinché il mio sognati diventino realtà. Prego a tutti coloro che hanno potuto usufruire di questi servizi, di volere ritornare testimoniarne per permettere all'altra gente nella necessità, di potere trovare anche un ricorso affidabile. Vi lascio il suo indirizzo professionale: cinziamilani62@gmail.com

    RispondiElimina
  2. Testimonianza
    di un prestito in 24 ore per il vicino a una signora cristiana e molto seria, vorrei informarvi che a seguito di molte pubblicazioni del record di banche

    come sta cercando di prestito per più di 2 anni ho avuto il mio prestito di 45.000 € tra particolare attraverso questa signora Paola Visentin può aiutare come me, che sono nel bisogno esso è raggiungibile indirizzo e-mail: visentinpaola96@gmail.com

    RispondiElimina
  3. Buongiorno posta elettronica: pretprot20@gmail.com
    offro prestiti che vanno dal 2000€ a 1.500.000€ a chiunque può rimborsare con interessi ovunque nel mondo, per un rimborso di 1 a 30 anni. Per ogni persona interessata volete dirmi l'importo di cui avete necessità e quella durata di rimborso. posta elettronica: pretprot20@gmail.com

    RispondiElimina
  4. Avete a lungo cercare un prestito 1000€ fino a 800.000€ 120.000.000€, ecco una nuova opportunità di rilanciare la vostra economia, potete contattarli per tutta la vostra domanda di prestito soltanto con un interesse a partire dal 2% seguiti delle condizioni che vi faciliteremo la vita. Possiamo aiutarli in molti domini fra il quali: financec99@gmail.com
    *Prestito finanziere
    * Prestito immobiliare
    * Prestito all'investimento
    * Prestito automobile
    * Debito di consolidamento
    * Margine di credito
    * Seconda ipoteca
    * Riacquisto di credito
    * Prestito personale
    Allora se non avete il favore delle banche o meglio avete un progetto e necessità di finanziamento, una cattiva cartella di credito o necessità di denaro per pagare fatture, necessità di prestito non esitate a contattarle per ulteriori informazioni sulle nostre condizioni. Per qualsiasi altra informazione volete contattarli direttamente con, mail: financec99@gmail.com ; Telefono Whatsapp : ( 0033 ) 754512050. sito web: http://pret.mutuel-finance-group.com

    RispondiElimina